Il cristallo viola

Un cigolio sinistro mi svegliò all’improvviso ed entrò un fantasma che non mi guardò neanche in faccia. Ma andò dritto al letto di mia sorella a puntarle una pistola e ad ucciderla. Io non capii bene che cosa era successo e il fantasma uscì dalla mia casa.
Il giorno seguente quando il papà mi portò a scuola e mi chiese: «Hai sentito un baccano infernale e
quello sparo? E io risposi: «No, ho dormito tutta la notte»
Al pomeriggio la mamma mi venne a prendere, ma nemmeno a lei volevo raccontare che mia sorella era morta, perché non ero sicuro.
Arrivati a casa chiesi al mio cane che si chiamava Jack quello che era successo perché lui sapeva tutto e di più. Egli disse: «É il fantasma del castello stregato ed è vicino a casa nostra.»
«Cosa?» urlai. «E perché la mamma non me l’ha mai detto?».
«Per sconfiggerlo devi distruggere il suo cristallo di colore viola» disse Jack. Io dissi: «Ok, prenderò un martello e distruggerò quel tipo una volta per tutte.
E così la mattina dopo andai con un martello di mio nonno e distrussi quel fantasma.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in racconti. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...