Il Riccio

Nome scientifico: Erinaceus europaeus
classe: mammiferi (insettivori)
ordine: erinaceomorfi
famiglia: erinaceidi

Morfologia

altezza: 15 – 20 cm
lunghezza 25 – 27 cm
peso: meno di 1 Kg
pellame: aculei che variano di colore con il canbio di stagione: marroncino scuro col freddo, più chiaro con il caldo. Dove c’è il pelo è ispido e grigiastro.
habitat: ambienti aperti aree boschive sia in pianura sia in montagna.
alimentazione: onnivoro, anche anche se si nutre preferibilmente di insetti, mangia anche uova di uccelli, rettili e anfibi; non disdegna di mangiare piccoli mammiferi (topi).
periodo di nascita: fra maggio e ottobre
numero dei piccoli: 4 – 5
durata della vita: 5 anni circa

Il riccio è un animale esclusivamente notturno: cerca cibo e si muove  lentamente anche se è in grado di correre; è anche un ottimo nuotatore.
Durante il giorno riposa nella sua tana (cavità nel sotto bosco fra tronchi e foglie cadute).
I cuccioli nascono ciechi e sordi e con gli aculei sul dorso e aprono gli occhi solo intorno alle due settimane; dopo un mese un mese assomigliano agli adulti e sono indipendenti.
Le orecchie, le zampe e il naso sono neri. Il cranio è allungato, il cervello piccolo.
L’organo di senso principale è l’olfatto ma anche il tatto è sviluppato. Meno sviluppata la vista.
Il corpo è tozzo, il muso è appuntit, le zampe sono corte e hanno 5 dita con unghie appuntite; anche gli aculei sono appuntiti e cavi.
La femmina è più grande del maschio.
Il riccio ha una particolarità non teme i morsi velenosi delle vipere che non riescono a penetrare nella sua carne. Certe volte le mangia, come mangia, in caso di necessità, bacche, ghiande, frutta e vegetali.
Il latte vaccino per lui è come veleno, iperché non lo digerisce e gli provoca diarree fino alla morte.
Durante i mesi invernali cade in letargo. Anche se puo capitare che si svegli per cercare cibo, poi si riaddormenta. Quando incontra un pericolo, si immobilizza, gli si drizzano gli aculei e si appallottola su se stesso.
I suoi predatori sono: la volpe e i rapaci.
I ricci muoiono anche per il freddo e, soprattutto, schiacciati dalle automobili. È una specie protetta.

Riccio

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in scienze. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...