Il riccio Spino

C’era una volta un riccio di nome Spino che viveva in una tana insieme ai suoi genitori e insieme ai tre fratelli.
Era un secchione e studiava sempre. Infatti, mentre invece gli altri aiutavano la mamma e il papà a lavorare, Spino stava sempre chiuso in camera sua a studiare o a leggere o a scrivere.
I fratelli lo prendevano in giro. Dicevano che era un buono a nulla e che studiare non serve a niente.
Allora stanco di prese in giro Spin decise di cambiare. Smise di studiare ed iniziò a fare come gli altri.
Fu un bel problema.
Quando c’erano pratiche da fare o istruzioni da leggere e capire, nessuno riusciva più a farlo bene. Nessuno riusciva più a capire che cosa dicevano i contratti da firmare. E così furono imbrogliati molte volte.
Ma c’era di peggio. Nella tana non avevano la TV e la sera si erano abituati ad ascoltare tante belle storie raccontate da Spino.
Purtroppo, da quando aveva smesso di studiare, Spino non raccontava più nulla. Le sere erano diventate proprio noiose.
I fratelli capirono che lo preferivano secchione. Così gli chiesero scusa e pregarono di tornare a studiare.
Vissero per sempre felici e contenti e Spino fu il primo riccio a vincere il premio Nobel per la letteratura.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in racconti. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il riccio Spino

  1. Silvia Carrara ha detto:

    Davvero carina questa storia! Mi ha davvero colpito! Complimenti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...